Prendere l'aereo in gravidanza

PRENDERE L’AEREO IN GRAVIDANZA

Prendere l’aereo in gravidanza può spesso generare qualche preoccupazione nelle future mamme.  Dopo essermi ben informata sia sui siti delle compagnie aeree sia dalla mia ginecologa, ho sorvolato la terra e gli oceani già dalle primissime settimane e fino al sesto mese. Con la mia bella pancetta sono salita su 15 aerei percorrendo 65000 chilometri, per cui mi sento un po’ un'”esperta”.

Sull’aereo, inoltre, ho vissuto alcune tappe importanti della gravidanza,  e di quasi tutti i voli ne conservo un bel ricordo. Ad esempio in uno dei primissimi voli, viaggiando da Roma a Guadalajara,  sono stata soggette alle prime,  e quasi uniche, nausee. Mentre durante un volo da Guadalajara a Los Cabos, ho sentito per la prima volta i calci della mia piccolina in un modo davvero divertente: il comandante aveva appena annunciato che stavamo per attraversare una turbolenza, ed ecco che Caterina ha iniziato a scalciare come una pazza!!

Le compagnie aeree nella maggior parte dei casi permettono di volare fino alla settimana 36. Se la gravidanza è gemellare, le settimane scendono fino alla 32. Per il resto non hanno particolari riguardi: non c’è una corsia preferenziale e né ti permettono di salire per primi sull’aereo. Solo Iberia, per quanto ne so, consente di accedere all’aereo in modo preferente.

Ecco qualche consiglio PER PRENDERE IN SERENITÀ UN AEREO IN GRAVIDANZA:

1. Prenotare un posto sul corridoio

Sedersi nei posti più esterni offre una maggiore libertà. Quando si fanno dei viaggi lunghi è importante passeggiare nel corridoio, e lo è ancora di più quando si prende l’aereo in gravidanza. In questo periodo, infatti, le gambe tendono a gonfiarsi fisiologicamente, e in volo la situazione può peggiorare drasticamente. Inoltre il pancione può schiacciare la vescica, e alzarsi per correre in bagno ogni 10 minuti non è da escludere.

2. usare calze contenitive

Le calze contenitive sono molto utili soprattutto se già prima della partenza si soffre di ristagno di liquidi. Queste calze aiutano il sangue venoso a tornare al cuore e a non ristagnare nelle gambe. In aereo infatti, stando seduti per molte ore, è più facile che il sangue ristagni, causando la comparsa di dolori alle estremità. Nell’ultimo viaggio che ho fatto, quasi al sesto mese le ho usate per per volare dall’Italia al Messico, e mi sono trovata davvero molto bene.

3. portare degli snack

In gravidanza c’è sempre un po’ più di appetito, e portarsi da mangiare non è affatto una cattiva idea. A volte i cibi che offrono nelle tratte transatlantiche non sono sempre buonissimi, e dato che una donna in dolce attesa non può saltare neanche un pasto, è importante portarsi da casa qualcosa da mangiare. Anche gli snack sono super consigliati, altrimenti si rischia di ingerire solo noccioline per tutto il tragitto, facendo quindi aumentare la sete e dunque la corsa in bagno.

4. bere molta acqua

Quando si viaggia in aereo è importante bere spesso. In gravidanza inoltre il fabbisogno di liquidi è maggiore. L’aria che è immessa in cabina contiene pochissima umidità e tende a richiamare acqua dal nostro corpo. Per questo si crea un generale stato di disidratazione che ha conseguenze su tutto l’organismo e può causare secchezza delle mucose, bruciore agli occhi, screpolature della pelle e altri malesseri.

5. PORTARE una crema idratante

A causa dell’aria che c’è in cabina, che contiene poco vapore acqueo, la pelle tende a disidratarsi molto velocemente. È quindi un’ottima idea portare con sé la normale crema idratante per concedersi anche una coccola ogni tanto.

6. usare scarpe E ABBIGLIAMENTO comodI

Scarpe e abbigliamento comodi sono essenziali quando si prende un aereo in gravidanza. In particolare, oltre alle gambe, anche i piedi tendono a gonfiarsi ulteriormente, con il risultato che sicuramente si starà scalzi. E di certo non è pratico abbassarsi continuamente per rimettersi le scarpe se si deve scappare in bagno.

7. usare un cuscino

Il cuscino per l’aereo è fondamentale quando si viaggia. Se si ha una pancia molto grande, purtroppo le posizioni “comode” per dormire sono pochissime, anzi, probabilmente nessuna. Per questo portare un cuscino può essere un’ottima idea, soprattutto se affianco a noi non c’è nessuno che conosciamo!

E questi sono i miei consigli per prendere un aereo in gravidanza e viaggiare in comodità. Tu hai qualche altro consiglio da dare alle future supermami? Scrivilo nei commenti!

Buon viaggio!!


Prénatal_GRUPPO_S_scegli_cogli_risparmia_Banner_468x60_IT.gif

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *